E-mobility: la sperimentazione di ARERA dedicata alla ricarica dei veicoli elettrici

E-mobility: la sperimentazione di ARERA dedicata alla ricarica dei veicoli elettrici
13/07/2021 Redazione

La delibera 541/2020/R/EEL dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) è un’iniziativa sperimentale, avviata su scala nazionale, per facilitare la ricarica di veicoli elettrici in luoghi non accessibili al pubblico quali, ad esempio, la propria abitazione (principale o secondaria), piccoli studi professionali o esercizi commerciali, posti auto non collegati elettronicamente all’abitazione, piccoli lavoratori artigianali, magazzini.

Partecipando a tale iniziativa il cliente aderente avrà la possibilità, senza costi aggiuntivi, di ricaricare il proprio veicolo elettrico in modo più rapido, grazie alla maggior disponibilità in termini di “potenza sostenibile” al punto di fornitura.

In particolare, dal 1 luglio 2021 al 31 dicembre 2023, sarà possibile disporre di una potenza di circa 6 kW, di notte e nei giorni festivi, senza dover richiedere un aumento di potenza al proprio fornitore di energia elettrica, quindi senza dover sostenere costi fissi aggiuntivi in bolletta.

La delibera 541/2020 di ARERA descrive i termini generali di questa innovativa sperimentazione, la cui gestione operativa è stata affidata al Gestore dei Servizi Energetici (GSE).

Lo scopo della sperimentazione è promuovere la ricarica intelligente dei veicoli elettrici in modo compatibile con le caratteristiche delle reti elettriche esistenti, sfruttando le potenzialità offerte dai misuratori elettronici e dai dispositivi di ricarica più avanzati, in grado cioè di regolare la velocità di ricarica sulla base di comandi forniti da attori esterni (ad esempio da aggregatori o dal distributore locale, previa autorizzazione del cliente ), oppure in modo automatico.

L’adesione alla sperimentazione avviene su base volontaria e, per i clienti domestici, è completamente gratuita. Per i clienti non domestici, l’adesione alla sperimentazione comporta la sola applicazione di un contributo in quota fissa a copertura degli oneri amministrativi (Tabella 2 del TIC – Allegato C alla Deliberazione 568/2019/R/EEL pari, nel 2020 a 25,81 €) applicato direttamente in bolletta dal fornitore di energia elettrica.

L’adesione alla sperimentazione comporta per le imprese distributrici, cioè i soggetti che installano ed esercirono i contatori elettronici, l’onere di apportare modifiche provvisorie criteri di funzionamento di tali contatori, installati presso ciascun punto di prelievo (POD) ovverosia presso il cliente finale.

Nei grafici qui sotto è reso maggiormente evidente cosa avviene aderendo alla sperimentazione.

 

E per conoscere tutto sui termini e i requisiti della sperimentazione, scarica qui:

La  GUIDA PER PARTECIPARE alla sperimentazione ARERA dedicata alla ricarica dei veicoli elettrici

 

E.CO, l’energia gentile.

Caricando...