Il Green Deal Europeo

Il Green Deal Europeo
17/12/2019 Redazione
Green Deal

Un’Europa a emissioni zero entro il 2050, questo è l’obiettivo dichiarato dalla Presidente della commissione Europea Ursula von der Leyen che intende fare di un problema (l’inquinamento climatico) una vera e propria opportunità di rinascita per tutti.

ll Green Deal europeo riguarda tutti i settori dell’economia, in particolare i trasporti, l’energia, l’agricoltura, l’edilizia e settori industriali quali l’acciaio, il cemento, le telecomunicazioni, i prodotti tessili e le sostanze chimiche.

Nel marzo 2020 la Commissione lancerà un “patto per il clima” per dare ai cittadini voce in capitolo e un ruolo nella formulazione di nuove azioni, nella condivisione delle informazioni e nell’illustrazione di soluzioni di base che gli altri possano seguire. Poiché la lotta contro i cambiamenti climatici e il degrado ambientale ha dimensioni globali, anche la risposta deve essere globale

Il Green Deal prevede:

  • una proposta d’innalzamento del target di riduzione delle emissioni di gas serra al 2030 dal 40% ad almeno il 50%, con l’obiettivo di arrivare al 55%, in vista della COP 26 di Glasgow del prossimo anno;
  • una valutazione dei Piani Nazionali Energia & Clima definitivi entro ottobre;
  • un piano d’azione sulla finanza verde, che sosterrà, tra le altre cose, gli sforzi della BEI per trasformare parte delle sue attività in ottica di Banca Europea per il Clima, entro il terzo trimestre del 2020;
  • una nuova strategia della Commissione per l’adattamento ai cambiamenti climatici entro il quarto trimestre del prossimo anno;
  • una proposta di misura di aggiustamento alle frontiere – Carbon Border Adjustment – per alcuni settori specifici e una proposta di revisione della legislazione in materia di energia (rinnovabili, efficienza energetica e fiscalità energetica) e clima (ETS, Effort Sharing, LULUCF) nel 2021

La prima iniziativa, prevista a gennaio, sarà un piano per gli investimenti sostenibili che includerà uno strumento finanziario per coinvolgere anche le regioni dell’Ue più dipendenti dalle fonti fossili (Fondo di transizione equa che punta a mobilitare 100 miliardi di euro in sette anni).

Sì perché per realizzare gli obiettivi del Green Deal europeo saranno necessari investimenti notevoli. All’inizio del 2020 la Commissione presenterà un piano di investimenti per un’Europa sostenibile per contribuire a soddisfare le esigenze di investimento. Almeno il 25% del bilancio a lungo termine dell’Ue dovrebbe essere destinato all’azione per il clima e la Banca europea per gli investimenti, la banca europea per il clima, fornirà ulteriore sostegno. Per fare sì che il settore privato contribuisca al finanziamento della transizione ecologica, nel 2020 la Commissione presenterà una strategia di finanziamento verde.

Ulteriori approfondimenti: https://ec.europa.eu/info/strategy/priorities-2019-2024/european-green-deal_en

Caricando...