AGEVOLAZIONI SISMA – PROROGA DELLA DELIBERAZIONE 252/2017/R/COM

AGEVOLAZIONI SISMA – PROROGA DELLA DELIBERAZIONE 252/2017/R/COM
26/03/2021 Redazione

DELIBERAZIONE 18 MARZO 2021 111/2021/R/COM

PROROGA DELLE AGEVOLAZIONI DISPOSTE DELLA DELIBERAZIONE 252/2017/R/COM     

 

Si rende noto che sono prorogate fino al 31 dicembre 2021 le agevolazioni di cui all’Articolo 5, all’Articolo 6, all’Articolo 8, all’Articolo 9, all’Articolo 11 e all’Articolo 29 della deliberazione 252/2017/R/com e, ove necessario, di cui agli Articoli 7, 10, 12 e 30 della medesima deliberazione 252/2017/R/com a favore:

 

  1. dei soggetti titolari di utenze e forniture localizzate nei Comuni di cui agli allegati 1, 2 e 2 bis al d.l. 189/16 che dichiarino, entro il 30 aprile 2021, con trasmissione agli uffici dell’Agenzia delle entrate e dell’Istituto nazionale della previdenza sociale territorialmente competenti, l’inagibilità del fabbricato, della casa di abitazione, dello studio professionale o dell’azienda o la permanenza dello stato di inagibilità già dichiarato;
  2. dei soggetti titolari di utenze e forniture site nelle SAE, ovvero nei MAPRE – ivi incluse le utenze e le forniture relative ai servizi generali delle suddette strutture e quelle site nelle aree di accoglienza temporanea alle popolazioni colpite allestite dai Comuni e negli immobili ad uso abitativo per assistenza alla popolazione – nelle more di una più puntuale individuazione del termine di durata delle agevolazioni per i soggetti titolari delle menzionate utenze e forniture, tenuto conto del criterio temporale del “completamento della ricostruzione”;
  3. dei soggetti titolari di utenze e forniture site in una zona rossa individuata mediante apposita ordinanza sindacale, emessa nel periodo compreso tra il 24 agosto 2016 e il 25 luglio 2018.

PROROGA DELLE AGEVOLAZIONI DISPOSTE DELLA DELIBERAZIONE 429/2020/r/COM

Sono prorogate fino al 31 dicembre 2021 le agevolazioni disposte all’articolo 1 della deliberazione 429/2019/R/com a favore dei soggetti titolari di utenze e forniture che dichiarino, entro il 30 aprile 2021, con trasmissione agli uffici dell’Agenzia delle entrate e dell’Istituto nazionale della previdenza sociale territorialmente competenti, l’inagibilità del fabbricato, della casa di abitazione, dello studio professionale o dell’azienda o la permanenza dello stato di inagibilità già dichiarato

MODALITÀ PER L’OTTENIMENTO DELLE AGEVOLAZIONI RICONOSCIUTE ALLE UTENZE/FORNITURE INAGIBILI

I clienti che non l’hanno già fatto possono ancora ottenere le agevolazioni riguardanti forniture in immobili inagibili, comunicando entro il 30 aprile 2021 agli uffici locali di Agenzia delle Entrate e INPS lo stato di inagibilità dell’abitazione; successivamente entro il 30 giugno 2021  (ai sensi del DPR 445/2000) dovranno informare il proprio fornitore di aver presentato la suddetta dichiarazione di inagibilità indicando i riferimenti contrattuali. Precisamente dovranno fornire i seguenti documenti:

  1. dichiarazione sostitutiva di atto notorio, resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del d.P.R. 445/00, dell’avvenuta trasmissione agli uffici dell’Agenzia delle entrate e dell’Istituto nazionale per la previdenza sociale territorialmente competenti, della comunicazione attestante l’inagibilità dell’originaria unità immobiliare nella titolarità del cliente ovvero dell’utente finale;
  2. autocertificazione – solo per i soggetti beneficiari titolari di utenze/forniture ad uso domestico – che l’unità immobiliare di cui alla precedente lettera a) era la casa di residenza alla data degli eventi sismici;
  3. elementi identificativi del contratto, ivi inclusa la tipologia del contratto medesimo, rispettivamente, di fornitura di energia elettrica, di gas naturale e del servizio idrico integrato relativo all’unità immobiliare di cui alla precedente lettera a).

 

Il termine del 30/06/2021 non è perentorio, gli esercenti la vendita dovranno tener conto anche di istanze pervenute successivamente, purché entro il 31/12/2021.

Nel caso in cui l’agibilità dell’unità immobiliare sia ripristinata prima della scadenza del 31 dicembre 2021, i soggetti beneficiari della proroga delle agevolazioni ne danno comunicazione entro 30 (trenta) giorni all’esercente la vendita e al gestore del SII, i quali provvedono a sospendere entro 15 (quindici) giorni dalla data di ricevimento della comunicazione l’applicazione di quanto precedentemente descritto.

Inoltre, è stato posticipato al 31 dicembre 2021 il termine ultimo per emettere la fattura di conguaglio per contabilizzare le agevolazioni spettanti. Viene anche ulteriormente prolungata la sua rateizzazione, passando da minimo 36 a minimo 120 rate, limitatamente alle utenze e forniture colpite dagli eventi sismici del Centro Italia. I venditori e i gestori non procederanno ad azioni di recupero di morosità relativamente ad eventuali rate non pagate delle fatture di conguaglio già emesse, informando tempestivamente i clienti della sospensione dei termini di pagamento delle fatture.

E.CO, l’energia gentile

Caricando...