Reclami | E.CO Energia Corrente

Reclami

Se sei arrivato qui, forse è perché hai bisogno di ricevere chiarimenti.
Hai già provato a chiamarci? Il nostro team di assistenza è pronto ad ascoltarti. Insieme, trovare le soluzioni è più semplice.
Mettici alla prova, ti rispondiamo di persona!
Chiamaci al numero 0547-419980

Siamo l’energia gentile, per noi è naturale ascoltare le tue esigenze e darti tutte le spiegazioni di cui hai bisogno. Saremo chiari e trasparenti, come ti aspetti.

Non hai trovato le risposte che cercavi?
Qui puoi scaricare l’apposito MODULO RECLAMI

Puoi inviarlo in una di queste modalità:
Fax: 0547-419993
Posta: Via Leopoldo Lucchi, 135 47521 Cesena (FC)
E-mail: reclami@energiacorrente.it

Hai deciso di non utilizzare il nostro modulo? Ricorda che la tua comunicazione dovrà contenere i seguenti dati obbligatori (delibera 413/2016/R/com):

a) Nome e cognome
b) Indirizzo della fornitura
c) Indirizzo postale, se diverso dall’indirizzo di fornitura, o di posta elettronica per l’invio della risposta scritta
d) Servizio a cui si riferisce il reclamo (elettrico, gas, o entrambi)
e) Codice alfanumerico identificativo del punto di prelievo dell’energia elettrica (POD) o di riconsegna del gas naturale (PDR), oppure il tuo Codice Cliente
f) Breve descrizione dei fatti contestati
g) Se il reclamo riguarda gli importi e/o una rettifica di fatturazione, indica anche l’autolettura e la data in cui l’hai effettuata.

Servizio di conciliazione

Che cosa è il Servizio di Conciliazione?

Il Servizio di Conciliazione (di seguito “Servizio Conciliazione”), istituito dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (di seguito, “ARERA” o “Autorità”), è una procedura semplice e veloce volta a fornire ai clienti finali di energia elettrica e gas naturale (di seguito “Clienti”) uno strumento di risoluzione di un’eventuale controversia con il proprio operatore di energia elettrica e gas (di seguito “Operatore”).

A tale procedura interviene un conciliatore esperto in materia di mediazione e specificamente formato sul settore energetico, il quale aiuta le Parti ad individuare una soluzione di comune accordo.

Il Servizio Conciliazione, gestito da Acquirente Unico per conto dell’Autorità, è gratuito e si svolge interamente on line, in conformità con la normativa europea sull’energia e sulla risoluzione alternativa delle controversie (ADR – Alternative Dispute Resolution).

Il Servizio Conciliazione dell’ARERA è iscritto nell’elenco degli organismi ADR europei in materia di consumo.

Chi può attivare il Servizio?

  • per il settore elettrico: tutti i Clienti domestici e i Clienti non domestici connessi in bassa tensione (BT) e media tensione (MT);
  • per il settore gas: tutti i Clienti domestici e i Clienti non domestici connessi in bassa pressione (BP);
  • soggetti che sono al contempo produttori e clienti finali di energia elettrica (Prosumer);
  • soggetti che esercitano i servizi nei settori regolari dall’ARERA (Operatore).

Il Cliente può partecipare direttamente alla conciliazione o farsi rappresentare da un delegato, anche appartenente a un’associazione di consumatori o di categoria, munito di procura generale o speciale, conferita con atto pubblico, con scrittura privata autenticata ovvero con scrittura privata corredata della fotocopia di un documento di identità del delegante, idonea a conciliare e transigere la controversia.

La Parte che ha attivato la procedura deve comparire all’incontro fissato dal Conciliatore, in mancanza la procedura verrà archiviata.

Quando si attiva il Servizio?
Il Servizio è attivabile solo dopo aver inviato il reclamo all’Operatore e questi abbia riscontrato con una risposta ritenuta insoddisfacente o siano decorsi 40 giorni dall’invio del predetto reclamo.

Come si attiva il Servizio?
È possibile presentare la domanda di conciliazione secondo le seguenti modalità:

  • Procedura online tramite sito web del Servizio Conciliazione ove viene richiesta la previa registrazione online tramite username e password personali. Ad avvenuta registrazione il Servizio Conciliazione rilascia apposita ricevuta telematica.
  • Procedura offline tramite presentazione della domanda di conciliazione mediante posta, fax o eventuali altri canali indicati nel sito web del Servizio Conciliazione. La relativa documentazione potrà essere inviata a “Servizio Conciliazione presso Acquirente Unico S.p.A, v. Guidubaldo del Monte 45 (Roma)”, fax 06-80112087. Resta ferma restando la gestione online della procedura.

Contenuto della domanda di conciliazione
La domanda di conciliazione deve prevedere i seguenti elementi obbligatori:

  1. Nome del Cliente o utente finale e del delegato, ove presente;
  2. Recapito telefonico e indirizzo di posta elettronica del Cliente o Utente finale o del delegato, ove presente;
  3. Denominazione dell’Operatore;
  4. POD/PDR o codice identificativo della fornitura cui si riferisce la domanda o, ove non disponibili, indirizzo della fornitura;
  5. Oggetto, valore della controversia e descrizione della problematica lamentata, corredati dalla documentazione relativa e dell’indicazione delle ragioni della pretesa e degli eventuali elementi di prova.

Alla domanda di conciliazione devono essere allegati obbligatoriamente:

  1. Copia del documento di identità in corso di validità della Parte;
  2. Copia del reclamo o del rinvio in conciliazione disposto in sede giudiziale;
  3. Copia della ricevuta o avviso di ricezione del reclamo da parte dell’Operatore o gestore, se presente;
  4. Copia della risposta dell’Operatore o Gestore, se presente;
  5. Copia della delega al rappresentante della Parte con potere di conciliare e transigere e del documento di identità del delegato, ove sia presente il delegato;
  6. Dichiarazioni, ai sensi dell’art. 76 del D.P.R. n. 445/00:
    • Che per la controversia non sia pendente o non stato esperito un tentativo di conciliazione ai sensi dell’art. 3 del “TICO”;
    • Della data di invio del reclamo all’Operatore
  7. Accettazione delle previsioni di cui agli articoli 12.3 (secondo tale disposizione, a seguito di un eventuale insuccesso della procedura di conciliazione, le Parti non possono utilizzare le informazioni e/o dichiarazioni apprese durante tale procedura in un eventuale successivo giudizio, arbitrato o procedimento contenzioso promosso dalle stesse in relazione al medesimo oggetto, salvo il consenso della Parte da cui le informazioni e/o dichiarazioni provengono) e 12.4 (secondo tale disposizione, le Parti non possono chiamare a testimoniare in un eventuale giudizio il Conciliatore, personale del Servizio Conciliazione, né deferire loro il giuramento decisorio su fatti e circostanze relative alla procedura) del “TICO”.
    Qualora la domanda di conciliazione risulti incompleta rispetto agli elementi sopra prescritti, il Servizio Conciliazione, entro il termine di 7 giorni dalla ricezione della domanda, invita la Parte che ha attivato la procedura al perfezionamento e all’integrazione della domanda medesima da effettuarsi entro il termine di 7 giorni dalla ricezione della comunicazione, decorso inutilmente il quale la domanda è improcedibile ed è archiviata. Di tale archiviazione è data comunicazione alla Parte.

Qualora la domanda di conciliazione risulti incompleta rispetto agli elementi sopra prescritti, il Servizio Conciliazione, entro il termine di 7 giorni dalla ricezione della domanda, invita la Parte che ha attivato la procedura al perfezionamento e all’integrazione della domanda medesima da effettuarsi entro il termine di 7 giorni dalla ricezione della comunicazione, decorso inutilmente il quale la domanda è improcedibile ed è archiviata. Di tale archiviazione è data comunicazione alla Parte.

Entro quanto si conclude la procedura?

La procedura si conclude entro e non oltre 90 giorni dalla presentazione della richiesta di attivazione completata con tutta la documentazione.

Per esigenze motivate, è concedibile una proroga fino a 30 giorni qualora ciò venga richiesto dal Servizio Conciliazione, ovvero su istanza congiunta delle Parti.

Disposizioni finali e link utili

In alternativa al Servizio Conciliazione, per i clienti domestici è possibile svolgere il tentativo di conciliazione delle controversie nei settori dell’energia presso gli organismi iscritti nell’elenco ADR (Alternative Dispute Resolution).

Si riportano, qui di seguito, i link di riferimento:

Con riferimento all’elenco ADR https://www.arera.it/allegati/consumatori/ElencoOrganismiADR.xlsx
Con riguardo alle informazioni sul Servizio Conciliazione (FAQ dell’Autorità)
www.arera.it/it/schede/C/faq-servconc.htm
In merito all’accesso al Servizio Conciliazione
http://conciliazione.arera.it